Risparmiare sugli acquisti per l’infanzia

Quando sta per nascere un bambino bisogna prepararsi acquistando tutto il necessario che servirà al futuro componente della famiglia. Per chi è al primo figlio questo significa conoscere un mondo prima completamente ignoto. Un mondo fatto di carrozzine, pannolini, biberon, ciucci, sterilizzatori, fasciatoi e molti altri prodotti mai usati prima. Ci si rende subito conto che i prezzi di questi prodotti variano tantissimo e per gli stessi oggetti si possono spendere anche 4 volte di più.

Per gli acquisti spesso ci si fida dei consigli di parenti e amici e qualche volta si utilizza anche internet con i numerosi forum e blog dedicati all’argomento. Quando pero’ individuiamo l’oggetto e la marca da acquistare notiamo però che il prezzo per lo stesso prodotto, modello e marca può variare anche del 30% 40% se acquistato in un negozio invece che in un altro. Un primo consiglio che vi diamo è quello di confrontare il più possibile i prezzi e, dopo aver individuato il modello di cui avete bisogno, utilizzare tutti i modi possibili per trovarlo al minor prezzo. Uno di questi modi è sfruttare i volantini delle offerte che nascondono spesso veri e propri affari, specialmente per i prodotti consumabili come pannolini e salviettine, ma un’altra fonte di risparmio è l’utilizzo dei famosi comparatori di prezzo. Questi siti agiscono come dei motori di ricerca e permettono di trovare il prodotto cercato al minor prezzo possibile, confrontando decine di negozi. Il più famoso e utilizzato in italia è Trovaprezzi.i che però ha il difetto di essere un comparatore generalista e non specializzato. Se cercate prodotti per l’infanzia per bambini e bambine dai 0 ai 10 anni non potete non visitare offerteinfanzia.it che è il primo sito del genere in Italia e raccoglie le offerte di decine di negozi specializzati in prodotti per bambini.

Un altro dei metodi più utilizzati per risparmiare è quello di utilizzare il mercato dell’usato. Ci sono prodotti che non prenderemmo mai usati per i nostri figli, ma ce ne sono altri che si possono tranquillamente prendere come ad esempio il mangiapannolini, lo scaldabiberon, lo sterilizzatore, la bilancia, il deumidificatore, la struttura del trio e altri ancora. Tutti questi oggetti non vengono a contatto direttamente con il bebè e quindi dopo una buona ripulita possono essere tranquillamente usati se sono in buono stato.

Da ultimo un buon consiglio è quello di chiedere a parenti e amici, che ormai non utilizzano più certi prodotti per i loro figli, di averli in prestito. L’unica cosa da ricordare in questo caso è quella di non danneggiare l’oggetto prestato e restituirlo quando è terminato il suo utilizzo.