La moglie del vigile

Un vigile urbano, durante l’estate, manda la moglie ed i figli in vacanza al mare e li raggiunge tutti i fine settimana. Arrivato il venerdì sera, dopo una settimana di duro lavoro, il vigile corre al mare perché ha una voglia matta di scopare con la moglie. Arriva a casa e si rivolge alla moglie:

– “Cara spogliati che ho voglia di fare l’amore!”

– “Ma che sei matto Luigi? Qui in casa ci sono i bambini!”

– “Ah… è vero! Allora sbrigati che andiamo alla spiaggia libera a farlo sulla sabbia!”

I due raggiungono la spiaggia e subito si gettano a terra in un amplesso selvaggio. Mentre sono impegnati nell’atto amoroso tra urla e gemiti, giunge sul posto una pattuglia di vigili urbani del luogo:

– “Fermi lì… siete in contravvenzione per atti osceni in luogo pubblico. Svelti rivestitevi!”

Il vigile mentre si sta infilando i pantaloni fa:

– “La prego, sia gentile! Sono un collega… non mi faccia la contravvenzione… è stato un momento di debolezza… mi ribolliva il sangue!”

– “D’accordo, visto che lei è un collega, posso anche chiudere un occhio.

Ma quella troia lì è già la terza volta questa settimana che la becco… questa volta la contravvenzione non gliela leva nessuno!”